Hai bisogno di uno stocchista abbigliamento a Napoli? Come trovarli

La moda si rinnova

I dettami della moda hanno scadenze semestrali entro le quali in teoria un rivenditore dovrebbe esaurire tutta la merce di stagione acquistata. Ovviamente questo non succede mai e le rimanenze di magazzino sono contemplate da ogni rivenditore tra le voci dei capitoli in perdita della gestione.

L’abbigliamento pret a porter in tutte le sue tipologie e varianti, dall’intimo alla calzatura, agli accessori moda, prevede necessariamente che una parte rimanga invenduta per questione di taglie estreme, per modelli che non calzano alla perfezione, colori che non si intonano, ecc.

Intanto il magazzino deve svuotarsi per lasciare posto alle collezioni della prossima stagione e i saldi solo in parte risolvono il problema. Gli svuota-magazzini, coloro che comprano in blocco tutte le rimanenze per poi rivenderle ai mercatini, sono gli stockisti.

Ma dove trovare uno stocchista quando serve? Come trovare uno stocchista di abbigliamento in caso di bisogno?

Come trovarli quando ne hai bisogno

Quando la stagione è trascorsa e bisogna provvedere alla successiva, necessita fare posto in magazzino, trovare uno stocchista al più presto per riacquistare lo spazio in deposito. Come trovarli?

In genere sono loro a cercare i negozi di abbigliamento, dove già sanno di trovare residui di collezioni e nei periodi interstagionali sono sempre in giro per concludere affari. Soprattutto a Napoli dove probabilmente questo tipo di mercato è nato, non è difficile ricevere la visita all’interno del proprio negozio, di potenziali acquirenti in stock della merce invenduta. In alcune zone è ancora di moda il passa parola, oppure ci si serve tutti gli anni dello stesso stocchista che si può contattare all’occorrenza.

Il web ci viene incontro ancora una volta con siti appositi o tramite annunci diffusi dalle messaggerie locali e nazionali. Ultimamente stanno nascendo dei siti e delle app ideate per facilitare l’incontro tra domanda e offerta, cioè tra negozianti che hanno bisogno di vendere le rimanenze di magazzino e gli stocchisti abbigliamento Napoli.

Ma il sistema più rapido ed efficace, in caso non si conosca nessuno del ramo è recarsi al più vicino mercatino e contattare di persona un venditore ambulante di abbigliamento. In genere sono essi stessi commercianti di stock e certamente saranno interessati a valutare una proposta commerciale. Essendo trattative è sempre bene sentire più di un commerciante se non si ha estrema urgenza, onde poter giocare su un margine di forza nel negoziato.

Stocchisti di abbigliamento

I vantaggi di rivolgersi ad uno stocchista sono diversi e notevoli. Innanzitutto si monetizza ciò che altrimenti dovrebbe essere buttato via e questo è un dettaglio non da poco. Rimettere in commercio capi di abbigliamento nuovi non più idonei alla vendita per i canali ufficiali, sarebbe oltretutto uno schiaffo alla miseria. Gli stocchisti ritirano la merce presso il deposito del rivenditore che ne fa richiesta, nel più breve tempo possibile e secondo le esigenze di chi vende, anche questo diviene un interesse comune.

Nei paesi del Nord Europa tale tipo di commercio non esiste, ciò probabilmente è dovuto a leggi più restrittive inerenti la diffusione di un brand. La raccolta dell’invenduto avviene tramite la casa madre che ne ricicla i capi, intendendo in tal modo salvaguardare l’integrità del proprio marchio.

Ma molti stocchisti italiani, soprattutto i frontalieri si spingono oltre confine per concludervi i propri affari. Quello dello stocchista è un mestiere antico che sta tornendo in voga grazie alla crisi internazionale e alle ridotte capacità di spesa dell’utenza. Uno stocchista interviene anche in caso di fallimenti e cessazioni di attività, sempre reimmettendo la mercanzia all’interno di circuiti commerciali diversi dai tradizionali.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>