La dieta per diabetici: cosa mangiare per stare bene

La dieta è un qualcosa su cui porre la massima attenzione, soprattutto se si soffrono particolari condizioni o patologie. In questo articolo ci concentreremo in particolare sul tema dieta e diabete. Il diabete è una malattia che interessa sempre più persone. Spesso la possibilità di ammalarsi di diabete aumenta di pari passo con l’età del paziente. Si stima che tra chi ha più di 75 anni sia affetta da diabete almeno una persona su 5. Si stima anche che ne siano più colpiti gli uomini. La malattia è in continua crescita e pare che i soggetti diabetici siano destinati a raddoppiare entro il 2030. Come si cura il diabete? Certamente con un trattamento farmacologico a base di insulina è necessario in caso di diabete di tipo 1. Per il diabete di tipo2, il più diffuso, un’alimentazione bilanciata può fare la differenza, essere terapeutica e contribuire a tenere sotto controllo il livello degli zuccheri nel sangue. La dieta per diabetici: cosa mangiare per stare bene.

La dieta per il diabete

Una malattia come il diabete può provocare complicazioni anche gravi ai nervi, al cuore e ai reni. E’ fondamentale la terapia con medicinali associata all’alimentazione. La dieta per il diabete è importante ma non si deve pensare a un qualcosa che consista solo in privazioni. Gli obiettivi della corretta alimentazione per chi soffre di diabete sono il controllo glicemico, il mantenimento o il raggiungimento del peso corporeo ideale, la prevenzione del rischio cardiovascolare. Un’attenzione particolare è nei confronti dell’assunzione dei carboidrati, che devono essere in un quantitativo maggiore di 130 grammi giornalieri ma non superiore a 300 grammi al giorno. I carboidrati devono arrivare da alimenti come legumi, frutta, vegetali, cereali integrali.

Il menù ideale per contrastare il diabete prevede 5 porzioni giornaliere di ortaggi e frutta come verdure a foglia verde, pomodori, carote, arance. Ammessi pane e pasta integrale tre volte a settimana e legumi come ceci, piselli, fagioli, lenticchie. Sono consigliate due porzioni di pesce alla settimana, carni bianche di pollo e tacchino, latte scremato e yogurt magro. Formaggi e latticini si possono mangiare due volte a settimana. Da evitare i condimenti grassi in favore dell’olio extravergine di oliva. No a burro, panna, strutto e pancetta. Da ridurre i prodotti con presenza di grassi idrogenati come le merende preconfezionate, i biscotti e i crackers. Da bere è consigliata l’acqua minerale naturale o le bevande senza zucchero. Per quanto riguarda gli alcolici non sono vietati ma vanno notevolmente ridotti a 1 bicchiere al giorno per la donna e 2 per l’uomo.

Cosa si può mangiare occasionalmente

Abbiamo visto quale sia la dieta ideale per chi soffre di diabete, con gli alimenti consigliati e un occhio a quelli da evitare. Possiamo ora togliere dei dubbi su alcuni cibi ma magari potrebbero essere guardati con sospetto da chi deve tenere sotto controllo la glicemia ma che in realtà si possono mangiare occasionalmente. Chi soffre di diabete può quindi consumare in maniera sporadica alimenti come lo zucchero, il miele, le marmellate, la cioccolata, le caramelle e quei prodotti dolciari raffinati che presentano un contenuto anche alto di lipidi e glucidi come gli snack preconfezionati. Nella stessa categoria degli alimenti che si possono consumare in maniera occasionale troviamo i primi piatti elaborati come le lasagne e i cannelloni, la pizza, i crackers e le focacce. Da consumare sporadicamente anche le patate, la frutta secca come le noci, le mandorle, i pistacchi, i datteri, la frutta ricca di zuccheri come le banane, l’uva, i cachi e i fichi, i succhi di frutta, le bevande zuccherate e i superalcolici.